riviste mensili agricole, riviste settimanali agricole, riviste agricoltura, riviste online agricoltura, riviste agricole specializzate, riviste specializzate agricoltura

riviste agricole, mondo agricoltura, riviste agricoltori  
riviste agricoltura, testate agricoltura, edizioni agricoltura
 
   
Home Riviste   L'Informatore Agrario   Vita in Campagna   Vivere La Casa in Campagna   Mad   Origine   International Agricultural Policy  

elenco prodotti in vendita
n°prodotti: 0
Totale: E. 0,00
cassa

chi siamo





riviste agricole, rivista per gli amanti della campagna, rivista sull'agricoltura professionale, riviste sull'agricoltura non professionale, edizioni dedicate al mondo agricolo, riviste specializzate in agricoltura, testate e giornali online agricoltura


L'Informatore Agrario
Sommario rivista Approfondimento
 
43
 3-9 Nov.

  2006
segnala ad un amico  invia ad un amico    scrivi un commento alla redazione  scrivi alla redazione
non in vendita


Attualità UNIONE EUROPEA

I paradossi dello zucchero europeo

Tagli produttivi in alcuni paesi, ma la regola non vale per tutti

Mentre Italia e Portogallo hanno drasticamente ridotto le loro quote produttive, Francia e Germania hanno aumentato le proprie. Possibili nuovi tagli produttivi a partire dal 2007-2008

Una domanda insistente interessa il sistema della produzione di zucchero in Italia. La situazione che si è determinata con la recente riforma della pac è dovuta all’errata impostazione del negoziato politico con Bruxelles, oppure è il risultato della inadeguata competitività della produzione nazionale?
La riforma a oggi ha prodotto lo smantellamento del 50% della capacità produttiva nazionale, ma rischia di compromettere anche una porzione non marginale della parte residua.
Non sarà facile dare una risposta convincente, ma è opportuno continuare a interrogarsi sull’argomento, non tanto per scovare i colpevoli, quanto per individuare delle piste praticabili per salvaguardare la filiera dello zucchero in Italia e per difendere gli interessi nazionali.
Per agevolare tali compiti è utile riportare due fatti che si sono verificati nelle ultime settimane: uno di diretto interesse per il settore e l’altro che non riguarda direttamente la questione zucchero, ma che può avere delle interessanti affinità.
Partiamo dal primo. È stato recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale delle Ce il regolamento n. 1585/2006 che opera l’adeguamento delle quote zucchero nazionali, a suo tempo sancite con il regolamento 318/2006 (la nuova ocm per lo zucchero), alla luce di due eventi: l’attribuzione delle quote supplementari a favore delle imprese saccarifere che ne hanno fatto richiesta e la presentazione delle domande di partecipazione al regime di abbandono volontario della produzione (piano di ristrutturazione).
La combinazione dei tre elementi (quota nazionale iniziale, supplementi di quota previsti nella nuova ocm e richiesti fin dal 2006-2007 e partecipazione al regime di cessazione volontaria) hanno prodotto i risultati evidenziati in tabella.
Ci sono Paesi che vedono un ridimensionamento notevole della propria capacità produttiva: in Irlanda scompare la produzione nazionale di zucchero, in Italia e in Portogallo si scende al di sotto della soglia del 50%, in Spagna e in Svezia il sacrificio produttivo è attorno al 10%.
Ci sono, altresì, Stati membri che registrano un aumento della quota disponibile per la corrente campagna di commercializzazione, al lordo delle misure del riporto e del ritiro dal mercato. È questa la stranezza, in un contesto generale caratterizzato dalla parola d’ordine di ridurre di almeno 2,5 milioni di tonnellate la produzione di zucchero dell’Ue.
Per quale motivo si aumenta la quota nazionale per Germania (7%) e Francia (8%), mentre all’Italia si chiedono sacrifici enormi e tali da portare a morte improvvisa, in certe aree geografiche, una filiera produttiva che fino a oggi aveva creato valore aggiunto, occupazione e opportunità di reddito?
Gli agricoltori tedeschi e francesi e la relativa industria saccarifera hanno potuto contare, fin dal primo anno di applicazione della nuova politica di sostegno del settore, su una quota supplementare cospicua (352.000 e 239.000 t rispettivamente), con la quale temperare gli effetti del radicale cambiamento, seppure a fronte del pagamento di un prelievo unico di 730 euro/t da parte delle imprese industriali beneficiarie.
La quota zucchero supplementare attribuita all’Italia ammonta ad appena 10.000 t (allegato IV del regolamento 318/2006), la quale, peraltro, non è stata ancora rivendicata dalle imprese saccarifere nazionali.
A consuntivo, il primo anno di applicazione della riforma zucchero ha portato a una riduzione del potenziale produttivo europeo ben al di sotto del necessario e tutto a carico di tre Stati membri. Le quote rinunciate (prevalentemente da Italia, Portogallo e Irlanda) sono ammontate a 1,1 milioni di tonnellate, mentre quelle supplementari allocate ex novo sono state di quasi 600.000 t.
La differenza rispetto alla soglia produttiva comunitaria, che è necessario raggiungere per tenere in equilibrio il mercato e rispettare i vincoli internazionali, dovrà essere recuperata attraverso gli altri due strumenti di regolazione del mercato che sono i ritiri (sotto forma di tagli temporanei fino al 2010 e poi definitivi) e il riporto.
Da questo punto di vista non esiste alcuna garanzia per l’Italia di evitare ulteriori sacrifici in termini di diminuzione del potenziale di produzione. Al taglio volontario del 50% potrebbero aggiungersi, dal 2007-2008 in avanti, ulteriori detrazioni temporanee o permanenti, a seconda dei casi, e, probabilmente, senza più deroghe per i Paesi che hanno aderito massicciamente alla misura della ristrutturazione.
Il secondo episodio risale alla prima settimana di settembre e riguarda un prodotto diverso rispetto alla zucchero (il cotone) e un Paese membro che non è l’Italia (la Spagna). Ma rappresenta altresì un fatto sul quale conviene soffermarsi perché invita a prendere seriamente in considerazione una tesi da mesi formulata dall’Associazione nazionale dei bieticoltori (Anb), che è stata finora ingiustamente sottovalutata, se non addirittura del tutto ignorata.
La tesi dell’Anb
In sintesi, l’Anb ritiene che la riforma dell’ocm sia incompatibile con le regole del Trattato europeo e non abbia preso in considerazione gli interessi nazionali e per questo sia impugnabile presso una istituzione internazionale. A tale riguardo, l’Associazione dei bieticoltori ha spesso citato la Wto.
L’episodio che qui interessa è la sentenza della Corte di giustizia europea con la quale il regime di sostegno al cotone, introdotto con la riforma del 2004, è stato annullato e le istituzioni comunitarie sono state invitate a mettere in piedi un sistema diverso.
In particolare, a essere presa di mira è la disposizione che prevede il disaccoppiamento in ragione almeno del 65% rispetto al percepito storico. In tal modo, secondo la Corte, non si assicura la profittabilità per i coltivatori e per i trasformatori e non si garantisce la continuità della coltivazione.
Non è detto che un ricorso analogo per lo zucchero dia ragione all’Italia. Ma sarebbe almeno opportuno pensarci, senza dare per scontato che quel che è stato fatto nel novembre del 2005 debba per forza restare intoccabile. Qualche aspetto aggredibile del compromesso finale sullo zucchero probabilmente lo si troverà e magari potrebbe essere utilmente utilizzato per salvaguardare la produzione nazionale.
 

Sommario rivista  


la ricerca

trova 

© 2021 Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. - Tutti i diritti riservati   
Cookie Policy


La presente Cookie Policy ha lo scopo di descrivere all’utente/visitatore (di seguito, l'”Utente”) del presente sito WEB e comunque a tutti i siti di proprietà di EDIA (www.informatoreagrario.it, www.vitaincampagna.it , www.macchineagricoledomani.it , www.ediagroup.it, www.viteevino.it, www.lafiera.vitaincampagna.it, www.ediaeventi.it di seguito “siti WEB”) le modalità di gestione dei cookie.

La presente informativa è resa alla luce del Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’8 maggio 2014 recante l'”Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” (di seguito, il “Provvedimento”), delle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679 applicabile a decorrere dal 25 maggio 2018 (di seguito, il “GDPR”) e delle prescrizioni della normativa italiana in materia di protezione dei dati personali, nella misura in cui saranno valide ed efficaci successivamente alla entrata in vigore del GDPR.
Titolare del trattamento è Edizioni l'Informatore Agrario S.r.l. Sede legale: Via Bencinvenga-Biondani, n. 16, 37133 – Verona (Italia).
Si invita l’Utente a leggere attentamente la presente Cookie Policy prima di proseguire nella navigazione dei Siti WEB.

Cos’è un cookie?
I cookie sono piccoli file di testo che vengono immessi sul dispositivo dell’utente quando l’utente visita un sito web. Ad ogni visita successiva i cookie sono reinviati al sito web che li ha originati (cookie di prime parti) o ad un altro sito che li riconosce (cookie di terze parti). Essi hanno diverse finalità come, per esempio, consentire di navigare efficientemente tra le pagine, ricordare i siti preferiti e, in generale, migliorare l’esperienza di navigazione. I cookie contribuiscono anche a fornire contenuti pubblicitari mirati all’utente sulla base dei suoi interessi. In base alla funzione nonché in base al soggetto che li ha originati i cookie possono suddividersi in cookie tecnici, cookie analitici, cookie di profilazione, cookie di prima parte e cookie di terze parti.

Cookie tecnici
I cookie tecnici sono quelli la cui archiviazione non richiede il consenso preventivo dell’utente ai sensi dell’art. 122 comma 1 del Codice Privacy (D.lgs. 196/2003).
Rientrano in questa categoria i cookie c.d. essenziali ovvero quelli strettamente necessari, che abilitano funzioni, senza le quali non sarebbe possibile avere una fruizione completa dei Siti WEB.
I cookie tecnici essenziali vengono utilizzati esclusivamente dalla Società e sono quindi cookie di prima parte. Vengono salvati sul computer (o su un altro dispositivo) dell’Utente solo durante le singole sessioni di utilizzo del browser. I cookie tecnici essenziali sono utilizzati, ad esempio, per consentire la registrazione e l’autenticazione dell’Utente per l’accesso al proprio account.
Un cookie tecnico di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare il consenso dell’Utente circa l’utilizzo dei cookie sui Siti WEB.
I cookie tecnici essenziali non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni dei Siti WEB.

Cookie di profilazione
I Siti WEB utilizzano anche cookie di profilazione che perseguono finalità di analisi dei comportamenti dell’Utente per migliorare l’esperienza di navigazione dei Siti WEB e per finalità di marketing. L’utilizzo dei cookie di profilazione necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’Utente.
A tal fine, i Siti WEB acquisiscono il consenso dell’Utente nelle forme previste dal Provvedimento attraverso il banner che compare alla prima visita dei Siti WEB. Il consenso può essere revocato in ogni momento, disabilitando il corrispettivo cookie. La mancata prestazione del consenso all’utilizzo dei cookie di profilazione non interferirà sulla possibilità di accedere ai Siti WEB, salvo l’impossibilità di accedere a quelle funzioni o contenuti che fanno utilizzo di tali cookie.
L’Utente può in ogni momento modificare le proprie impostazioni e i consensi per l’utilizzo dei cookie di profilazione.

Cookie di terza parte
Nel corso della navigazione sui Siti WEB, l’Utente potrebbe ricevere sul proprio terminale anche cookie di siti o di web server di soggetti terzi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sui Siti WEB possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dai nostri Siti WEB. Questi terzi potrebbero in teoria impostare cookie mentre visitate i Siti WEB e ottenere così informazioni relative al fatto che avete visitato i Siti WEB. Troverete maggiori informazioni sull’impiego dei cookie accedendo al link indicato. Se l’Utente decide di non prestare il proprio consenso all’archiviazione di cookie di terze parti, l’Utente potrà utilizzare esclusivamente le funzioni dei Siti WEB, che non richiedono l’archiviazione di tali cookie.

 

Fonte Nome Caratteristiche e finalità Durata
.informatoreagrario.it __gads Cookie usati per marketing 2 anni
.vitaincampagna.it __gads Cookie usati per marketing 2 anni
.informatoreagrario.it _ga Cookie analitici 2 anni
.vitaincampagna.it _ga Cookie analitici 2 anni
.ediaeventi.it _ga Cookie analitici 2 anni
.ediaeventi.it _gat Cookie analitici durata della sessione
.informatoreagrario.it _gid Cookie analitici 24 ore
.vitaincampagna.it _gid Cookie analitici 24 ore
.ediaeventi.it _gid Cookie analitici 24 ore
Google 1P_JAR Memorizza le preferenze e le informazioni dell’utente ogni volta che visita pagine web contenenti mappe geografiche di Google Maps 1 mese
Google APISID Cookie di terze parti per le funzionalità del social network Google+ (Google Maps) 1 mese
.3bmeteo.com Array Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
www.informatoreagrario.it ASPSESSIONIDCCSDCSDC Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
www.informatoreagrario.it BDO%5FsesLogin Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
.3bmeteo.com ci_session Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito 24 ore
www.informatoreagrario.it ckPolicy Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito 1 anno
Google CONSENT Utilizzato per il consenso dei servizi di Google 20 anni
.doubleclick.net DSID Cookies pubblicitari 15 giorni
Google HSID Cookie di terze parti per le funzionalità del social network Google+ 2 anni
.doubleclick.net IDE Cookies pubblicitari 1 anno
www.informatoreagrario.it Informatoreagrario%5FABB%5FCap Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
www.informatoreagrario.it Informatoreagrario%5FABB%5FCodice Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
www.informatoreagrario.it Informatoreagrario%5FABB%5FProvincia Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
www.informatoreagrario.it Informatoreagrario%5FCODICI%5FCodice Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
ww7.virtualnewspaper.it JSESSIONID Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
Google NID Cookie di terze parti per le funzionalità del social network Google+ 6 mesi
Google P_JAR Memorizza le preferenze e le informazioni dell’utente ogni volta che visita pagine web contenenti mappe geografiche di Google Maps 1 mese
www.vitaincampagna.it PHPSESSID Cookie tecnico di sessione durata della sessione
ediaeventi.it PHPSESSID Cookie tecnico di sessione durata della sessione
Google SAPISID Cookie di terze parti per le funzionalità del social network Google+ (Google Maps) 2 anni
Google SID Cookie di terze parti per le funzionalità del social network Google+ (Google Maps) 2 anni
Google SIDCC Cookie di terze parti per le funzionalità del social network Google+ 3 mesi
Google SSID Cookie di terze parti per le funzionalità del social network Google+ (Google Maps) 2 anni
.informatoreagrario.it vuidjson Cookie tecnici per il corretto funzionamento del sito durata della sessione
.facebook.com act Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook durata della sessione
.facebook.com c_user Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook 3 mesi
.facebook.com datr Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook 2 anni
.facebook.com fr Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook 3 mesi
.facebook.com pl Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook 3 mesi
.facebook.com presence Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook durata della sessione
.facebook.com sb Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook 2 anni
.facebook.com wd Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook 24 ore
.facebook.com xs Cookie tecnici per il collegamento al proprio account facebook 3 mesi


Come disabilitare i cookie
La maggioranza dei browser è inizialmente impostata per accettare i cookie in modo automatico. L’Utente può modificare tale impostazione per bloccare i cookie o per evitare che alcuni cookie vengano archiviati sul proprio dispositivo. Esistono diversi modi per gestire i cookie. L’Utente può fare riferimento alla guida tecnica e/o alla schermata di aiuto del proprio browser per gestire o modificare le impostazioni del browser. In caso di dispositivi diversi (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), l’Utente dovrà assicurarsi che le impostazioni del browser di ciascun dispositivo siano configurate in modo tale da riflettere le proprie preferenze relative ai cookie.
A titolo esemplificativo riportiamo qui di seguito alcuni link alla documentazione online dei principali browser:
Internet Explorertm: http://windows.microsoft.com/it-IT/windows-vista/Block-or-allow-cookies
Safaritm: http://www.apple.com/it/support/
Chrometm: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it&hlrm=en
Firefoxtm: http://support.mozilla.org/it/kb/Attivare e disattivare i cookie
Operatm: http://help.opera.com/Windows/10.20/it/cookies.html



 

Ultimo aggiornamento 14 aprile 2021

Precedenti aggiornamenti:
18 luglio 2019
- 25 maggio 2018
Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l.


 
 
Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità Questo sito web utilizza i cookie. Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili a questo link.
Continuando ad utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie durante la navigazione.
Ho capito Desidero
approfondire