riviste agricoltura, agricoltura biologica, giardinaggio, normativa comunitaria agricoltura, politica ambientale italiana, frutticoltura, viticoltura, coltivazione biologica

rivista agricoltura biologica, informazioni normativa agricola, libri agricoltura, coltivazione agricoltura biologica  
coltivazione ortaggi, rivista giardinaggio, frutticoltura, politica ambientale italiana
 
   

elenco prodotti in vendita
n°prodotti: 0
Totale: E. 0,00
cassa

chi siamo





agricoltura, coltivazione agricoltura biologica, rivista macchine agricole, mensile agricoltura, politica ambientale italiana, informazioni agricoltura, riviste agricole specializzate, potatura piante, lavori orto, coltivazione biologica, prodotti tipici agricoltura, turismo rurale, coltivazione vite, coltivazione olivo, coltivazione ortaggi, frutticoltura

Bruxelles: filo diretto
La news Elenco delle news Home page
Marc Van Montagu, il futuro delle biotecnologie agricole

Marc Van Montagu, ricercatore dell'Università di Gent, uno degli scopritori - negli anni ottanta - della tecnica che consente di creare piante transgeniche e World Food Prize 2013, parla del futuro delle biotecnologie agricole e degli OGM.




- Lei è uno dei pionieri del biotech applicato all'agricoltura, in particolare gli ogm. Dopo decenni di rapida adozione da parte degli agricoltori, la diffusione di questa tecnologia ha raggiunto un limite?

- Certamente no, il punto è che lo sviluppo di questa tecnologia è stato condizionato fin dall'inizio. Le multinazionali erano interessate alla realizzazione di tre o quattro colture su cui utilizzare i tratti di loro proprietà e hanno avuto successo, cioè oggi hanno un monopolio su diverse colture. Sfortunatamente, questo ha significato bloccare l'accesso al mercato delle piccole e medie imprese. Nelle università e istituti di ricerca ci sono tantissimi prototipi diversi che potrebbero essere sviluppati, ma non riescono a raggiungere il mercato perché noi scienziati non siamo stati capaci di comunicare alla società quanto sono importanti perché non capivamo i motivi di tanta paura e delle decisioni prese in questo ambito. Allora, l'industria ha fatto l'industria.

C'è una grande responsabilità nello spiegare ciò che la ricerca può fare e quale uso fare delle sue scoperte. E' questo che non ha funzionato con le biotecnologie agricole. Perciò gli sviluppi futuri dovranno vedere ricercatori che interagiscono con scienziati sociali per capire cosa davvero la società chiede alla scienza. La società è cambiata così tanto e oggi siamo in una società della partecipazione, che vuole avere voce in capitolo sull'utilizzo di una certa tecnologia.

L'Informatore Agrario
Il settimanale tecnico ed economico di agricoltura professionale

 
 
Banca Dati Online Conosci la Banca Dati Articoli Online?
... scopri la notevole mole di contenuti digitali utili per la tua professione o la tua passione

esplora la banca dati online

la ricerca

trova 

© 2022 Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. - Tutti i diritti riservati