riviste agricoltura, agricoltura biologica, giardinaggio, normativa comunitaria agricoltura, politica ambientale italiana, frutticoltura, viticoltura, coltivazione biologica

rivista agricoltura biologica, informazioni normativa agricola, libri agricoltura, coltivazione agricoltura biologica  
coltivazione ortaggi, rivista giardinaggio, frutticoltura, politica ambientale italiana
 
   

elenco prodotti in vendita
n°prodotti: 0
Totale: E. 0,00
cassa

chi siamo





agricoltura, coltivazione agricoltura biologica, rivista macchine agricole, mensile agricoltura, politica ambientale italiana, informazioni agricoltura, riviste agricole specializzate, potatura piante, lavori orto, coltivazione biologica, prodotti tipici agricoltura, turismo rurale, coltivazione vite, coltivazione olivo, coltivazione ortaggi, frutticoltura

Attualita'
La news Elenco delle news Home page
Ritorna il rischio aflatossine nel mais italiano

Aires, l’associazione dei raccoglitori e stoccatori, ha diramato una nota per mettere in guardia i maiscoltori italiani dal rischio aflatossine nel mais. «I mesi estivi sono stati caratterizzati da un clima “tropicale” con alte temperature, scarsa escursione termica tra il giorno e la notte e assenza di precipitazioni, situazioni ideali per lo sviluppo dell’aspergillo, fungo produttore delle aflatossine.

Da metà agosto il clima è nuovamente cambiato con precipitazioni, anche intense, temperature miti ed escursione termica tra il giorno e la notte anche di 10 °C. Analizzando nel complesso lo stato di coltivazione e l’andamento climatico, si evidenzia che le condizioni ideali di sviluppo dell’aspergillo si identificano nelle coltivazioni che avevano raggiunto la maturità fisiologica (punto nero) nel periodo coincidente con il clima “tropicale”.

I primi mais raccolti (precoci, non irrigati, terreni sciolti, ecc) potrebbero presentare delle contaminazioni da aflatossine – evidenzia la nota dell’Aires. Le indicazioni che riceviamo dai primi raccolti di mais – continua la nota - confermano tale situazione con enorme variabilità anche tra appezzamenti contigui, con contaminazioni da aflatossine da assenti fino ai 50 ppb (dati indicativi e da confermare).


I mais medio-tardivi, invece, dovrebbero maturare in un periodo con condizioni climatiche sfavorevoli allo sviluppo dell’aspergillo ma segnaliamo che le condizioni miti e umide degli ultimi giorni sono favorevoli allo sviluppo dei Fusarium, funghi produttori delle fumonisine».


L'Informatore Agrario
Il settimanale tecnico ed economico di agricoltura professionale

 
 
Banca Dati Online Conosci la Banca Dati Articoli Online?
... scopri la notevole mole di contenuti digitali utili per la tua professione o la tua passione

esplora la banca dati online

la ricerca

trova 

© 2022 Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. - Tutti i diritti riservati